sabato 12 ottobre 2019

GIOCO DELL'EROE di Gianluca MAGI La porta dell'immaginazione

GIOCO DELL'EROE La porta dell'immaginazione di Gianluca MAGI (Il Punto d'Incontro Edizioni www.edizionilpuntodincontro.it) è un eccezionale aggiornamento del noto e affascinante "Gioco dell'Eroe".
Nuova edizione ampliata + nuova traccia audio.
Prima del cane il miglior amico dell'uomo è l'immaginazione. Purtroppo invecchia precocemente. Aggrinzisce man mano che cresciamo. Per diventare prima un'ombra e poi una menzogna. Un vero peccato! Perché per vivere oggi è necessaria molta più immaginazione di quella di cui disponiamo o che ci reprimono o che a nostra volta reprimiamo negli altri.
La novità della nuova edizione è che l'uso sistematico dell'immaginazione oggi (e ancor più nel futuro) è indispensabile non solo per l'accrescimento della tua conoscenza ma anche per salvare le apparenze dal caos e dalla stupidità.

Perché è così necessaria? Perché privo d'Immaginazione sei totalmente prevedibile. Fattore non trascurabile se pensi che in generale il successo di un'impresa umana è inversamente proporzionale alla sua prevedibilità.
Considera "Gioco dell'Eroe" di Gianluca Magi (autore del bestseller I 36 Stratagemmi) l'immagino-stimolatore di un percorso all'avanguardia, fuori dagli schemi, ad alto quoziente psico-ludico e a elevato tasso di meraviglia e sarai prossimo alla Realtà.
Per attuarlo devi entrare nella Zona Autonoma Temporanea Interiore (Z.A.T.I.).
Presentazione di Franco Battiato. Leggi anche la recensione di un altro libro dello stesso autore:

LO STATO INTERMEDIO di Gianluca MAGI e Franco BATTIATO



Gianluca Magi, massimo esperto di filosofie e psicologie orientali, è uno degli autori più influenti nel campo dell'evoluzione umana.
La sua opera (tradotta in 33 Paesi) ha venduto oltre 200000 copie in Italia, ha inaugurato diverse tendenze, è fonte d'ispirazione in vari campi del pensiero.
Ha insegnato "Storia delle religioni in Cina" presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere (Corso di laurea in Lingue e Civiltà Orientali) e "Induismo e buddhismo" presso la Facoltà di Sociologia (Corso di laurea specialistica in Antropologia ed epistemologia delle religioni) dell'Università di Urbino.

Nel 1997 a Rimini ha fondato la Scuola Superiore di Filosofia Orientale e Comparativa dove insegna tuttora. Compie numerosi viaggi in Oriente durante i quali ha potuto approfondire i suoi interessi psicologici, spirituali e linguistici.
Da queste varie esperienze ha elaborato una tecnica di lavoro di sviluppo interiore che integra le tecniche di meditazione del sufismo, la psicoanalisi e la psicologia transpersonale.
Nel 2012 Gianluca Magi ha lasciato l'insegnamento universitario per dedicarsi anima e corpo al "Gioco dell'Eroe", un progetto di percorso evolutivo che sta diffondendo in tutta l'Italia.

"Il Gioco dell'Eroe è in realtà un grande sasso gettato in un immobile stagno. Un invito diretto alla vita interiore e alla sua (inevitabile) trasmutazione evolutiva. L'attaccamento è la causa principale delle sofferenze di tutti gli esseri senzienti. Dobbiamo, meglio prima che poi, abbandonare il 'Samsara'."
Dalla presentazione di Franco Battiato
"Auguro con tutto il mio cuore che questa conversazione e l'esperienza della traccia audio del Gioco dell'Eroe sortisca in voi gli stessi effetti che hanno sortito su di me!" Anna Mazzone

Come mutare la direzione delle tue ansie, ridurre il disagio, trasformare in gioiose soglie da attraversare i limiti che ti paralizzano?
Realizzando la tua mitologia personale, risponde Gianluca Magi.
Attraversando lo specchio di Alice, oltre le Colonne d'Ercole di ciò che ti hanno fatto credere impossibile, per avventurarti nella 'Mitosfera', meraviglioso continente invisibile ai più, esplorato da sciamani, mistici ed eroi.
Magi ti mostra come puoi addentrarti in questo lato nascosto ed extra-ordinario dell'universo, che interagisce con la realtà ordinaria, e quali libertà e talenti folgoranti puoi guadagnare.

Congedatosi dalle inibizioni del pensiero razionale, Magi ti propone Il Gioco dell'Eroe, un Magical Mistery Tour terapeutico, semplice ed efficace, per risvegliare le potenze invisibili che coronano di felice energia creativa la tua vita rendendola un'avvincente epopea eroica.
Come nelle 1000 e una Notte nel 1° livello del Gioco dell'Eroe diventi Aladino che strofina la lampada e risveglia quella Forza segregata dai condizionamenti culturali e dai traumi nel corso della vita: questa Forza è il Genio.
Puoi porre qualsiasi domanda al Genio e per ognuna c'è un'incredibile risposta. Apri così le porte all'intuizione e all'energia creativa, che opera una mutazione mentale per il cambio della tua vita. Grazie alla meditazione guidata offerta dalla traccia audio verrai condotto all'interno del Gioco dell'Eroe (nel "santuario dell’Anima") per essere straordinario in un mondo ordinario.

Che cos'è il "Gioco dell'Eroe"? L'immaginazione in giocoil gioco dell'immaginazione. Una strategia dell'immaginazione per mettersi in gioco nella pratica della vita interiore. Centro di gravità permanente.
La porta dell'Immaginazione serve per evadere e accedere a un altro destino più vasto, collaborazione, superconduttività, amicizia e dialogo autentici e capacità di essere in dialogo profondo con le altre persone che si sono messe in Gioco per una fondamentale "fioritura" personale e collettiva.
Transpersonal Mind Game si propone di mettere in moto la facoltà più trascurata della Mente: l'Immaginazione. In questo contesto significa sviluppare una logica diversa molto più amplificata, una visione diversa del mondo più significativa di quella attuale, sviluppando una prospettiva dinamica e più chiara che apre intorno a noi l'orizzonte del possibile.

L'immaginazione non è solo una facoltà di evocare immagini che valicano il mondo delle nostre percezioni ma è molto di più. Essa è parte integrante della "funzione del reale".
"Al precetto preferisco il percetto. Coi percetti percepisci direttamente una realtà che ti coinvolge, un Metodo vivo e Vivificante. Ben difficilmente potremo realizzare qualcosa di buono e giusto senza lo slancio dell'Immaginazione, della gioia, del gioco e della spontaneità." Gianluca Magi
Il Gioco dell'Eroe ti sollecita a compiere dei collaudi di libertà e di un più ampio rapporto con te stesso e tutti gli esseri viventi perché è un "Gioco liberatore d'Immaginazione creatrice"; una volta che apprendi questo non sarai mai più lo stesso perché ti liberi dalla più grande prigione in cui vive la gente: la paura di ciò che pensano gli altri. Il Divino abita dove lo si lascia entrare.

Il processo di trasformazione implica l'esplorazione, la scoperta, il cambiamento della tua psicosclerosi (fossilizzazione del tuo atteggiamento mentale) nei confronti della vita. L'unica via per ottenere l'impossibile è pensare che sia possibile, se l'Immaginazione lo accetta.
Eroe è chi considera la propria vita come una magica sfida e non più come una noiosa abitudine. Ed è colui che ha imparato a guardare vecchie forme con occhi nuovi piuttosto che forme nuove con occhi vecchi.
Il viaggio del Gioco dell'Eroe non si limita solo ad alleviare o a far svanire disagi, fobie e paure, spesso porta significative trasformazioni su tutti i piani dell'essere: fisico, psichico, emozionale e spirituale.

"L'amore è la strada dove le nostre impronte invece di seguirci ci precedono." Così impari a vedere il mondo con occhi diversi, più profondi, senza soffermarti sulla superficie che spesso esprime solo valori effimeri senza anima. I greci dicevano che la meraviglia è l'inizio della conoscenza e se smetti di meravigliarti corri il rischio di smettere di conoscere.
La vita è la suprema delle arti se vissuta alla luce dell'immaginazione. Il gioco dell'Eroe è simile a un processo di liberazione dai condizionamenti, un'opera di risveglio della consapevolezza, o, in altri termini, delle facoltà latenti dell'uomo.

"Sarei felice che i lettori della nostra conversazione ammettessero perlomeno l'idea del potere terapeutico dell'Immaginazione, del quale il GdE è un'applicazione sviluppata di creatività avanzata.
Congediamoci con questo "eroico grido di battaglia" di buon auspicio: "Solo chi osa l'inverosimile riuscirà nell'impossibile." Maurits Cornelis Escher

Se desideri ricevere informazioni sui seminari residenziali del GdE, visita il sito web di Incognita Advanced Creativity, diretta da Franco Battiato e Gianluca Magi:
www.incognita.online

Alcune delle mie citazioni preferite da GIOCO DELL'EROE La porta dell'immaginazione di Gianluca MAGI:

"Il mondo è un meraviglioso tappeto del quale vediamo il rovescio: il bellissimo disegno sta oltre i nostri occhi
Adagio GdE: "Il corpo guarisce giocando. La mente ridendo. Lo spirito gioendo." È un invito all'Oltre. Evviva!" Gianluca Magi
"L'immaginazione è l'inizio della creazione. Prima immagini ciò che desideri. Poi vuoi ciò che immagini. E alla fine crei ciò che vuoi."
George Bernard Shaw (premio Nobel per la letteratura 1925)
Come recitava Jean De La Fontaine e ha cantato Franco Battiato:
"Tutto l'universo obbedisce all'Amore."

Dicevano gli alchimisti: "Nella tua pazienza è la tua anima. La precipitazione viene dal demonio."
"Essere troppo seri nella vita come nelle pratiche dello spirito ci disconnette dal nostro potenziale creativo: si pensa troppo e si sente poco…
Bisogna vivere con creatività e stupore. Lo stupore (la meraviglia) ci rende saggi perché provoca delle esperienze memorabili risvegliando il rispetto e la gratitudine verso gli altri." Alejandro Jodorowsky

"La mente razionale è un servo fedele; la mente intuitiva un dono divino. Il paradosso della vita moderna è che abbiamo iniziato ad adorare il servo e a denigrare il divino…
L'Immaginazione è più importante della conoscenza. La conoscenza è limitata, l'immaginazione abbraccia il mondo." Albert Einstein
"Se le porte della percezione fossero pulite, ogni cosa apparirebbe all'uomo com'è, infinita." William Blake



Un caro saluto. Raffaele Ciruolo


Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

1 commento:

  1. Francesca Marra12 ottobre 2019 11:40

    La citazione: "Essere troppo seri nella vita come nelle pratiche dello spirito ci disconnette dal nostro potenziale creativo: si pensa troppo e si sente poco…" è assoltuamente veritiera!

    RispondiElimina

Articoli correlati